Wedogit Rehab

Progetto, organizzazione e strumenti

Il Progetto WEDOGIT REHAB nasce dalla voglia di unire caratteristiche e professionalità differenti per il bene del nostro beniamino “peloso”.

Elisa (educatrice cinofila professionista) assieme ad Andrea Martini (Fisioterapista in umana e con specializzazione in cinofilia) stanno portando avanti vari percorsi legati al benessere del cane, sia a livello terapeutico, a causa di traumi o dolori, ma soprattutto a livello preventivo.

Prevenzione infatti sta alla base del nostro Progetto.

Il cane che presenta un problema viene visitato da un veterinario e se necessario da uno specialista che possa fornire una diagnosi quanto più precisa, in seguito a questa, si programma un percorso fisioterapico/rieducativo, riabilitativo nel post chirurgico o traumatico,  conservativo per problematiche  degenerative irreversibili.

Nel post visita o intervento, il nostro lavoro ha lo scopo di ottimizzare il recupero, nei tempi e nella qualità, grazie alle sinergie tra educatore-fisioterapista-proprietario, dove lo scopo ultimo è migliorare la qualità di vita del cane.

Conoscendo il tipo di intervento (fisioterapista) e valutando l’attitudine del cane nel suo contesto (Educatore), si crea un iter riabilitativo/rieducativo su misura, senza dimenticare il ruolo importante che ha il proprietario del cane, che viene informato e istruito allo scopo di diventare parte attiva del successo riabilitativo.

Il canale di comunicazione con il medico è importante, sia per avere utili informazioni nell’impostare il programma riabilitativo, sia per controlli nel caso si vogliano risolvere dubbi/problemi estranei al programma riabilitativo.

I vari percorsi si svolgono tramite l’ausilio di piccoli attrezzi come cuscini destabilizzanti, pedane propriocettive, palloni tipo fitball ma anche la piscina, utile in quei particolari casi dove si deve assolutamente scaricare il peso dell’animale (quasi in assenza di gravità).

Percorsi operativi:

A – Wellness (allungamento, scarico di tensioni, stretching)

Percorso legato alla prevenzione dei sovraccarichi muscolari, articolari. Si presuppone di allontanare gli stress muscolari a quei cani sportivi, o solamente “carichi” per riequilibrarli migliorandogli così la loro qualità di vita.

B – Tonificazione (rinforzo organico, riatletizzazione)

Percorso di tonificazione o comunque rinforzo per i cani che necessitano allenamenti speciali di rinforzo muscolare, articolare e tendineo sia per praticare sport (ad esempio agility dog o freesbee), ma anche per quei cani che per vari motivi (ad esempio operazioni chirurgiche) hanno passato periodi di immobilità.

Riatletizzazione, cioè un percorso di analisi prima e successivamente di lavoro operativo per quei cani che dovrebbero essere impegnati in varie discipline sportive  ma con deficit strutturali che lo portano a non svolgere bene la propria attività col pericolo di trauma.

C – Rehab (riabilitazione specifica per patologie, recupero fuzionale-motori)

Vero e proprio percorso di riabilitazione, recupero funzionale e motorio per quei cani traumatizzati. Il percorso sarà soggettivo in base alla patologia e soprattutto in stretto legame con lo specialista (ortopedico o veterinario) in modo da sviluppare in team la migliore strategia per riportare il cane a vivere bene.